Sul mio comodino… giugno 2012

Cambio spesso “categorie” di letture. Mi spiego meglio, con un esempio: una settimana leggo libri di narrativa, la settimana dopo leggo libri artistici, e la settimana dopo leggo manga… così… di solito cerco di finire il libro che sto leggendo prima di passare ad un’altra categoria, ma non va sempre tutto secondo i piani 🙂

Mentre scrivo questo post sono nella fase “libri di narrativa” e sto finalmente finendo La lista di Schindler. Bellissimo libro, ma non è proprio un libro di narrativa, quanto una ricostruzione romanzata degli eventi e della figura di Schindler. Non so ancora cosa leggerò quando lo avrò finito. Un manga, magari? Forse piĂą avanti parlerò anche dei manga. Per ora mi dedico ai libri di narrativa che stanno sul mio comodino.

Letture giugno 2012

Ho una libreria piena di libri da leggere. Quando scelgo dei libri da leggere li impilo sul mio comodino e cerco di non aggiungere nulla se prima non finisco almeno un libro.

Da leggere:
I racconti del Necronomicon
Monty Python – l’autobiografia (non vedo l’ora di leggerlo!)
Vacanze in villa
La vita di Lazarillo De Tormes (ce lo leggeva il nosto professore in classe)
Il castello di Otranto
Dorothea n. 2 (è un manga)

Cominciati:
La lista di Schindler (quasi finito)
Le dee dentro la donna (è un saggio, lo leggo poco alla volta)
Il potere è in te (sto facendo una pausa da questo libro, è una piacevole lettura ma lo voglio leggere con attenzione)

Il mio comodino è diviso in due parti: libri di narrativa + manga e libri artistici + riviste. Le riviste devono avere qualcosa di molto particolare se vogliono avere accesso al mio comodino! Devono essere riviste di musica o riviste mensili straniere. La pila di libri artistici e riviste è molto alta, quindi ho scelto solo gli ultimi tre libri in ordine di arrivo:

Letture 2 - giugno 2012

Avevo cominciato un vecchio libro sull’art journal ma ho interrotto la lettura per leggere prima questi! Ho cominciato con Good Mail Day di Jennie Hinchcliff, molto interessante. Ho giĂ  realizzato in passato delle mail art che ho spedito a delle amiche. Poi c’è The Art Journal Workshop di Traci Bunkers, mi pare ci sia anche un cd dentro… dev’essere molto interessante! Infine c’è Dusty Diablos di Michael DeMeng. Ne avevo letto un estratto pubblicato su un sito di mixed media e mi ero innamorata di una sua scultura. Realizza delle opere d’arte meravigliose.

Ecco! Non so cosa leggerò prossimamente, vado a periodi e ovviamente… I don’t finish anything!

Annunci

Macchine da scrivere: come ripararle, come fare manutenzione

PERCHE’ ADORO LE MACCHINE DA SCRIVERE

Olivetti Lettera 22

Ho sempre avuto un debole per le macchine da scrivere. Quando ero bambina avevo una macchina da scrivere “manuale” che scriveva solo maiuscolo, qualche anno dopo usavo una macchina “elettronica” con l’allora mitico nastro per cancellare.

A gennaio del 2012 mi è venuta l’idea di collezionare macchine da scrivere e ho iniziato ad acquistarle ai mercatini e su e-bay. Ho imparato ad usarle “di nuovo”, le uso per scrivere lettere alle amiche ma soprattutto per i miei progetti artistici. E anche come oggetti d’arredamento.

COMPRARE MACCHINE DA SCRIVERE

Olivetti Studio 46

Con l’esperienza ho imparato che, quando compri una macchina da scrivere, il piĂą delle volte te la vendono sporca e malfunzionante… con la scusa che è un oggetto usato e/o d’antiquariato…

Mi è capitato di comprare macchine terribilmente zozze: in questo caso si consegna la macchina al proprio papà esperto di bricolage, il quale la smonterà, la pulirà, toglierà la polvere, avviterà bene le viti e olierà gli ingranaggi. E se i tasti mancanti sono finiti dentro la macchina, allora li troverà e li incollerà al loro posto.

Non è poi così semplice trovare una macchina in perfette condizioni a prezzi bassi (non compro se il prezzo è alto), sono oggetti anche di 50 anni fa! Non sappiamo chi li ha posseduti, come li ha tenuti, e dove li ha tenuti! Ci sono dei “difetti” che possono essere aggiustati, ma altri che non possono essere aggiustati…

RIPARARE O FARE MANUTENZIONE DI MACCHINE DA SCRIVERE

All’inizio della mia esperienza nell’acquisto/utilizzo di macchine da scrivere ho cercato su internet delle informazioni, delle istruzioni per pulirle, smontarle, correggere i difetti… ho trovato solo un paio di siti con informazioni incomplete, scarse, senza foto…

La prima macchina da scrivere che ho lasciato a mio papĂ  da pulire e sistemare è stata la Olivetti Studio 46. In quell’occasione mio papĂ  ha tirato fuori un libro di fai da te degli anni 70, ormai irreperibile, e mi ha mostrato che c’erano le istruzioni per aggiustare le macchine da scrivere.

 

 

Macchine da scrivere… sulle copertine dei quaderni handmade!

Cliccate sull’immagine per visitare il mio negozio etsy, con tanti quaderni dal design unico, tutti realizzati da me!

 

etsy-quaderni

https://www.etsy.com/it/shop/Idontfinishanything

 

CLICCA QUI PER LEGGERE LE ISTRUZIONI PER RIPARARE MACCHINE DA SCRIVERE

 

 

 

*******************************************************************************************************************

 

 

MDSTORINO – RIPARAZIONE, VENDITA ED ACQUISTO DI MACCHINE DA SCRIVERE

mdstorino def

Introduzione

Ho mille idee in testa e poco tempo per realizzarle.

Mi piace scrivere, leggere libri, manga e riviste, guardare film e telefilm, disegnare. Tengo vari art journal e quando sono ispirata mi dedico allo scrapbooking. Adoro gli oggetti vintage, le macchine da scrivere, andare in giro per mercatini e scoprire antichi “tesori”.

Per il titolo del blog mi sono ispirata a questa immagine.

I don’t finish anything. E’ vero. Inizio sempre con tanto entusiasmo, faccio progetti e… poi l’entusiasmo si esaurisce e passo a qualche altra idea. Ho deciso di raccogliere qui tutte le mie idee.

Spero che quello che scriverò e pubblicherò vi sarà utile. Infatti il mio obiettivo non è solo raccontare di me e dei miei 1000 progetti, ma anche pubblicare informazioni che ho scovato, che trovo utili, e che possono essere utili anche alle altre persone.

Ciao

I.